HOMEExperience — QUI È ALTROVE
QUI È ALTROVE

EXPERIENCE 11#

di Matteo Attruia

Altrove studio — Venezia
1 — 29 Ottobre 2016

__________________________________________
ne parlano anche:
www.thedummystales.com
2night.it
__________________________________________


Qui è altrove esiste due volte senza soluzione di continuità.

Qui è altrove è esistito nel 2009 quando fu il titolo della prima esposizione personale di rilievo di Matteo Attruia. Le opere esposte hanno in comune tra loro l’evidenza dell’approccio ironico e dissacrante che lascia il pubblico spaesato e in bilico tra ciò che è vero e ciò che non lo è.

L’artista ha messo in mostra quindi l’occupazione di uno spazio, di una posizione, di un ruolo che vuole fare proprio, ma gli è negato. Una mostra che oltre essere un qui fu anche un ora ovvero un ritaglio di tempo e di spazio in cui Matteo Attruia fu un artista.

Qui è altrove esiste per la seconda volta nel 2016 e rivela un percorso che ha portato Attruia a restringere la gamma delle tecniche concentrandosi sulle scritte al neon e su azioni come prese di posizione del suo essere artista.

L’Altrove a cui mirava nel 2009 è un qui che nel 2016 si realizza in ogni ora ovvero in ogni idea, progetto, in ogni esposizione al pubblico.
In mostra quindi espone una raccolta di taccuini con i segni di ogni singolo giorno della sua vita fino all’inaugurazione della mostra.
Il singolo giorno per arrivare Altrove.



















I taccuini ritornano spesso nel lavoro di Attruia: sono il lavoro stesso dell’artista dove, come pratica giornaliera, annota da anni i suoi progetti; sono quindi segno del suo essere. Segno che diventa susseguirsi di segni. Da qui l’idea che ha inizialmente presentato nel 2012 per Temps Étrangers di Parigi, collettiva sul concetto di tempo.

Nel 2016 però l’artista evidenzia una porzione temporale in cui pare individuare l’Altrove come una presa di coscienza dell’esistenza di questo spazio.
Una riflessione non più solo sul passare del tempo, sul ricordo e sulla memoria, ma anche sullo spazio: Qui Attruia è artista e manipola il pubblico sul ruolo di sé nel mondo, ma allo stesso tempo è manipolato dal pubblico in quanto quest’ultimo diventa specchio e determinazione del sé.
L’Altrove è un ritaglio di tempo e spazio sempre presente su cui è impossibile parlare o scrivere con una consecutio temporum apparentemente corretta.

Anna Romanzin

Matteo Attruia
Nato ad un certo punto, vive e lavora ovunque.

www.matteoattruia.com

Matteo Attruia